Nell’attesa di avere un telescopio: alla ricerca della stella polare.

Quando ho comprato il mio telescopio (primo e unico telescopio, ma non certamente l’ultimo che comprerò) non avevo assolutamente idea di come funzionasse il cielo. Non avendo una cultura particolare e non essendomi mai interessato di come funzionassero le dinamiche celesti, l’unico riferimento che avevo era la costellazione dell’Orsa Maggiore. In un certo senso, posso affermare che per quanto mi riguarda ho sempre avuto il desiderio nascosto di possedere un telescopio, ma non ho mai avuto voglia di mettermi a naso in su e studiare il cielo. Complice di questa sorta di disinteresse è dovuto anche al nostro tanto odiato inquinamento luminoso che ha le spalle fin troppo larghe. Larghe al punto di oscurare la volta celeste in maniera pressocchè totale. Abitando nei pressi di una zona di mare, l’estate le luci della riviera si accendono vigorose e prepotenti, lasciando all’occhio solo la possibilità di scorgere qualche debole e solitaria stellina.

Ma a parte la polemica. l’aspetto della mancata conoscenza celeste sono certo che sia parte di una buona parte di noi novelli astrofili. Non si conosce il cielo, non c’è niente da fare. Fortunatamente non tutti i novellini come me soffrono o hanno sofferto di questa lungaggine nell’alzare gli occhi al cielo, anzi…è bello sapere che ci sono persone che nonostante non si dichiarino astrofili hanno una conoscenza del cielo anche abbastanza approfondita. Ma nel nostro caso, partendo dall’assunto che “il cielo? dove cavolo è?” , l’acquisto di un telescopio può essere addirittura traumatico! Hit with Ball

Parto quindi subito a dire che non vi è alcun problema se non si sa conoscere la stella polare. E’ un problema però non volersi mai mettere li a cercarla. Se qualcuno dei lettori ha mai avuto esperienza con l’hobby musicale, vorrei far presente che uno degli aspetti belli del cielo è che una volta appreso il concetto o una volta trovato un oggetto, difficilmente ci si scorda la sua posizione. Un pò come le ritmiche..una volta imparate, bene o male rimangono. O se vogliamo esemplificare ancora, un pò come la bicicletta…quando si impara, difficilmente si cade ancora…e se si cade, ci si rialza con poche sessioni osservative.

Per cui, visto che ancora il vostro telescopio non è arrivato, armatevi di pazienza e uscite di casa a cercare la polare.

Dunque..la polare dove si trova…un secondo, che metto fuori il portatile Big Smile

Avete idea di dove tramonti il sole? Bene, quello è “piu o meno” l’ovest. Ora, se lo indicate con il braccio sinistro, e col braccio destro tracciate un angolo di 90 gradi trovate il nord. Se per caso avete trovato il sud, evidentemente avete la schiena che funziona al contrario quindi siete degli alieni che vogliono invadere la terra. Siccome presumo di scrivere per umani, sicuramente se tenete il braccio sinistro a ovest e con il braccio destro fate un angolo di 90 gradi vi troverete che il braccio destro punta piu o meno a nord. (dai vabè, scaricatevi la bussola dell’iphone, ve lo concedo)

Ora: state guardando a nord ok? Dovreste riconoscere l’orsa maggiore che è questa costellazione qua:

Ursa_major_constellation_mapBene. Dò per scontato che l’Orsa Maggiore la sappiamo riconoscere tutti (almeno questa eh!)

Ora, basta prendere le due stelle della parte destra della costellazione e tracciare una riga che le unisce e va su su su…fino alla stella piu luminosa successiva, che fa parte invece dell’orsa minore:

Orsa-Maggiore-Orsa-Minore-e-Stella-PolareEcco l’avete trovata!!!

Altri esempi:

300px-Orsa_Minore

Finding_polaris

Le immagini sono prese da vari siti di astrofilia durante le mie sessioni di osservazione e  purtroppo non mi è stato possibile citarli perchè a memoria non li ricordo. Mea Culpa…comunque qualora il proprietario riconoscesse una sua opera, chiedo cortesemente di indicarmelo in una mail e verrà citato.

Ora che abbiamo trovato la polare, possiamo spendere anche due parole su di essa.

La stella polare è importante per diversi motivi..innanzitutto rappresenta un centro “teorico” su cui la nostra amata terra gira. Non è un punto preciso, nel senso che a causa dei moti di precessione si sposta in maniera analoga a come si sposta il centro di una trottola ma abbiate pazienza..non si poteva far di meglio. Dribble

Quindi si può dire, in maniera errata tecnicamente ma giusto per rendere l’idea, che tutto il cielo ruota attorno ad un unico punto: la stella polare. Ecco come wikipedia rappresenta il movimento della volta celeste attorno ad essa:

Questa sarà la stella da puntare ogni volta che si farà l’allineamento polare della montatura del telescopio. Avremo modo di approfondire, intanto consiglio di abituarsi a trovarla a colpo sicuro.

E’ anche possibile attraverso la stella polare ottenere foto interessanti senza avere un telescopio, ma di questo ne parleremo in un articolo aggiuntivo.

 

Annunci

Un pensiero su “Nell’attesa di avere un telescopio: alla ricerca della stella polare.

  1. Pingback: Osservare a occhio nudo parte I – A spasso per alcune costellazioni - Astrofilo Neofita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...