Il mio Big Bang!

3….2….1…BUM

Big Bang

Big Bang

…ecco questo è piu o meno ciò che è accaduto quel giorno in cui ho aperto la scatola del mio primo telescopio…aprendo quella scatola, all’improvviso sono stato proeittato a velocità luminale in  un mondo nuovo, affascinante e pieno di avventure.Penso che si potrebbe interpretare così l’inizio del “tutto”, del “mio tutto” in questo viaggio con il naso all’insu alla ricerca di oggetti, storie, miti e leggende.

Ma partiamo con ordine, dai saluti!

Ciao a tutti e benvenuti sulle pagine di Astrofilo Neofita. Ho scelto di aprire questo blog per cogliere alcuni aspetti che un neofita astrofilo si trova ad affrontare approcciando all’astrofilia. Tutti, bene o male, impariamo qualcosa nelle nostre passioni qualunque esse siano..ed è un processo quasi quotidiano. Si parte da domande banali, semplici e a volte anche fuori luogo, e troviamo risposte a volte chiedendo, a volte con l’esperienza o informandoci su internet. Spesso ci si sente anche un pò ignoranti a chiedere certe cose a chi invece ha un’esperienza di rilievo nel campo dell’hobby di interesse, magari perchè si pensa che le nostre lacune siano davvero al limite dell’umano concepibile o perchè ci si vergogna anche di chiedere “scusa…dove devo guardare?”. Ammetto che nella mia piccola esperienza, mi è capitato sia di fare questo tipo di domande (e mi capiterebbe ancora in certe situazioni, siamo sinceri!!) e mi è capitato anche di sentirmi chiedere “devo guardare qua?” (indicando il cercatore). Tutto normale, anche io ho fatto banali domande e continuo a farne, faccio errori continui ..a volte di valutazione, a volte di puntamento, a volte di interpretazione..perchè intendiamoci subito: io di questo oggetto, il telescopio, non so proprio nulla. E allora, visto che c’è la possiblità di trovare informazioni perchè non parlarne? Considerando che ancora oggi mi chiedo come funziona uno specchio e come ottenere ad esempio una buona messa a fuoco, perchè non scriverlo anche su un blog che faccia capire che il problema che ho io è lo stesso che può avere un lettore che ha comprato ieri lo stesso oggetto? Anche perchè, nel processo che fa allontanare alcuni dal mondo dell’astrofilia, c’è anche questo aspetto: non ci ho capito nulla e non so a chi chiedere.

Ecco, riassumendo: non sarà qua che si otterranno risposte, ma spero di poter dare conforto facendo capire che il problema che uno di voi può avere è lo stesso da cui sto passando io, da cui sono passato e da cui passerò. D’altronde, cosi come è vero che l’universo si espande, nella stessa maniera ci espandiamo noi, nella nostra passione, giorno dopo giorno, osservazione dopo osservazione.

Nell’aprile dell’anno 2012, sono venuto in possesso del mio primo telescopio. Un regalo, di mio suocero, che un bel giorno mi dice

“sai…fin da bambino ho desiderato un telescopio. Ormai ho una certa età…ma pensavo: se io lo compro, poi tu impari ad usarlo?”

Eh..hai detto poco!! Ecco come sono venuto in possesso del mio telescopio, uno Ziel Galaxy 1 Evolution Advanced.

Ziel_telescopio_Galaxy_1_evolution

La scelta cadde su questo telescopio per due motivi principali

1) mi venne consigliato da un grande amico.

2) aveva già il motorino AR e DEC. Vedremo poi cosa sono (ricordo a tutti i lettori la totale ignoranza del sottoscritto in merito all’astronomia quindi si renderà necessario parlare dell’ovvio!)

3) Nella descrizione vi era scritto

“Particolarmente indicato per la fotografia a lunga posa, sarà apprezzato dalla maggior parte degli astrofili che ricercano una grande versatilità unita ad immagini chiare e definite.”

Ovviamente, per me che non sapevo assolutamente nulla (e che continuo a non saperne nulla), non era particolarmente interessante la questione “fotografica” ma in questo mi venne in aiuto l’esperienza da musicista: quando acquisti una qualsiasi cosa, ricorda che potresti nel tempo trovarti con l’esigenza di approfondire alcune opportunità. Quindi, ho ragionato nello stesso modo…se avessi voluto fare delle foto, avrei potuto tentare anche quella strada.

Ci tengo a precisare che il telescopio di per sè non è certo una bomba, la possiamo considerare la base dell’entry level. Un pò “meno” di un giocattolo, nonostante questo se pensate che con 629 euro vi prendete montatura, telescopio e motorini beh..vale la pena. Giusto per parlare tra noi “neofiti” e lasciando da parte per un attimo chi davvero ne sa qualcosa, considerate che ci sono telescopi amatoriali che costano moooolto di piu! Io stesso conosco un paio di bravissimi astrofili che hanno speso anche oltre i 5/6.000 euro per un telescopio. Non dobbiamo a mio avviso paragonarci o pretendere quindi questi risultati, sarebbe prematuro e ci farebbe dire “seeee..io per guardare due stelle non voglio spendere tutti quei soldi!!!”.

Quindi, possiamo dire che il telescopio che ho scelto (e che fa parte di un’ampia gamma di scelte che chiunque può fare) è da considerarsi economico (parliamo di prezzo del nuovo sica chiaro) ma contestualmente è sufficiente per  non abbandonare l’astrofilia a causa di risultati mancati, inutilizzabilità, limiti intrinsechi avvilenti.

Vi pare poco? Per iniziare, quindi, questo telescopio mi ha permesso di osservare qualche pianeta (marte, venere, giove, saturno), ovviamente la luna, e alcuni oggetti molto belli: ammassi stellari, nebulose e galassie.

Una nota: quando lo acquistai, sempre su consiglio di un amico, lo scelsi appositamente senza il motore go-to. Il Go-To sarebbe un palmare connesso alla montatura attraverso apposite interfacce, che permette la ricerca auotmatica di oggetti. In soldoni, tu imposti un oggetto del catalogo (esempio NGCxxxx che sarebbe una galassia xxxx) e lui si muove da solo centrando (piu o meno) l’oggetto. Sicuramente è comodo…e vi garantisco che alla stessa cifra che ho speso io potreste trovare tranquillamente telescopi motorizzati con un computerino che, una volta settato, permette di trovare oggetti deep sky senza cercare tra le stelle. Ma anche in questo caso, ho ritenuto opportuno seguire il consiglio di non affidarmi in prima istanza a tale sistema, vi spiego per quale motivo.

Se vi si domandasse: qual è il primo strumento di un astrofilo? Tutti, me compreso, risponderemmo “il telescopio!” -Niente di piu sbagliato…il primo strumento di un astrofilo è il binocolo. Perchè il binocolo permette innanzitutto di capire un pò il cielo e quindi possiamo riuscire a farci “le ossa” imparando come si muovono le costellazioni, quali sono i periodi migliori per osservarle, e come sfruttare alcune tecniche di visualizzazione (come la visione distolta, di cui parleremo). E poi il binocolo insegna anche ad ambire a determinati oggetti, intuendo già quali sono i limiti visivi e cosa aspettarsi dalla visualizzazione. )Di tutto questo parleremo poi quando tratterò l’argomento, sempre dal punto di vista del neofita quale sono)

L’ho usato il binocolo? Non subito…un pò come tutti i frettolosi, non ho mai dedicato tempo all’osservazione delle costellazioni prima di avere un telescopio.

Quindi, ecco il motivo per il quale è stato un bene cominciare senza computer o ammenicoli che facilitano troppo: come si può amare il cielo se non lo conosco e se non lo capisco? Anche avere a disposizone un dispositivo di puntamento automatico renderebbe troppo facile il ricorrere a questo per trovare oggetti che magari già si conoscono. Quindi niente..via..niet..zut…ci sarà tempo per acquistare un sistema del genere. Al momento, meglio concentrarsi sul cielo….

..e prendersela comoda.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...