Piramidi in Bosnia – L’inchiesta di Eclisseforum.it – I Punti Salienti: Le Piramidi

uk_flag_icon

1. Introduzione – LINK

1.1 Lettera aperta al direttore del SBRG – LINK

2. I Protagonisti: la Fondazione – LINK

2.1. I Protagonisti: Semir Osmanagic: l’Indiana Jones bosniaco – LINK

2.2  I Protagonisti: Il gruppo SBRG – LINK

2.3  I Protagonisti: Paolo Debertolis – LINK

 

I punti salienti: Le Piramidi

 

Tutta la vicenda che stiamo raccontando ruota attorno alle presunte Piramidi della Valle di Visoko. Si tratta di alcune colline che circondano la cittadina bosniaca di Visoko, le quali, per la forma peculiare, ricordano delle strutture piramidali.  La più famosa è la cosiddetta Piramide del Sole, a seguire le più piccole Piramide della Luna e Piramide della Terra o del Dragone.  In basso una serie di immagini delle strutture e della loro disposizione reciproca.

 

La collina di Visocica, rinominata “Piramide del Sole” – Fonte: http://www.bosnianpyramid.com/

 

Mappa Geodetica della Piramide del Sole – Fonte: http://www.bosnianpyramid.com/

 

Confronto tra le piramidi bosniache e le altre presenti nel mondo – Fonte: http://www.bosnianpyramid.com/

Queste colline hanno una forma particolare, che ricorda in alcune caratteristiche delle strutture artificiali, ad esempio spigoli più o meno netti, lati abbastanza dritti ecc, tant’è che già all’inizio degli scavi si disse che erano strutture artificiali, affidandosi semplicemente alle prime impressioni.

 

Mappa della Valle di Visoko – Fonte: http://www.bosnianpyramid.com/

Sulle varie piramidi sono state attivate varie sonde, cioè zone di scavo finalizzate a ritrovare la struttura originaria, che si suppone sia sepolta sotto uno strato di terriccio, depositatosi nei millenni.

Vediamone alcuni esempi.

Scavi su una delle “Piramidi” – http://www.bosnianpyramid.com

Scavi sulla Piramide della Luna – Fonte: http://www.dailygrail.com

Sonde avviate sulla Piramide della Luna – Fonte: www.nibiru2012.it

Sono state riportate alla luce varie lastre di pietra dalla forma vagamente squadrata. Da altre parti sembra che vi siano dei “piani di calpestio” ovvero delle zone che appaiono come lastricate.

La vicenda nasce nel 2006, quando Sam Osmanagic annunciò al mondo la scoperta delle piramidi più grandi e antiche del mondo:

L’inizio degli scavi procede di pari passo con un marketing aggressivo, che porta frotte di turisti e volontari desiderosi di contribuire a quello che viene definito il più importante sito archeologico del mondo.

L’intero iter di annunci, controannuci, scoperte, passi indietro, avanti e di lato, essendo una mole non indifferente di documenti, può essere seguito leggendo gli articoli in inglese presenti a questi link:

Gli scavi del 2006

Gli scavi del 2007

Gli scavi del 2008

Gli scavi del 2010

Gli scavi del 2011

Riteniamo la fonte affidabile ed estremamente ricca di dati e riferimenti, per cui invitiamo chi fosse interessato a scendere nei particolari, ad una approfondita lettura.

Inoltre, questo documento in francese, facilmente traducibile direttamente dal browser, riassume ulteriormente  la vicenda:

Noi abbiamo svolto delle ricerche per trovare esperti e documenti che ci aiutino a fare chiarezza.

Su un forum abbiamo trovato un report di un geologo sloveno, il quale ha svolto un’indagine geologica sulle strutture definite “Piramidi”.

Abbiamo contattato il geologo in questione, il quale ci ha inviato il report completo, in formato pdf, che però non possiamo pubblicare per intero.

Il dr. Gorazd Žibret nel suo “Geological report of the brief geological inspection in the Visoko area, focused on the Vicočica hill” conclude così:

“The shape of the Visočica hill is from geomorphologic point of view very unusual. From the geological point of view it is undoubtedly that the whole hill is of natural origin. But there is still an archaeological question to answer whether the hill is shaped by the man to get the pyramidal form. To find the proofs of the past human activity in that area the extensive geological and archaeological research, supported by the multidisciplinary approach should be done. The special focus of the multidisciplinary research should be on the tunnels, which seems to be a very old man-made structure. It is essential to collect the massive database of scientifically gathered data to support and to proof the existence of the Bosnian Pyramid of the Sun.”

Altre sue opinioni personali, che ci ha privatamente  esposto, sono impubblicabili per questioni legali, in quanto vorremmo evitare che altri personaggi che ci hanno paventato la possibilità di trascinarci in tribunale, abbiano appigli per farlo.

La dr.ssa Lidija Loučka Mićić (vedi qui), nella sua lettera ha così commentato la vicenda:

“Il rapporto del mondo accademico sul progetto  “Valle delle Piramidi in Bosnia” è rimasto uguale a qualche anno fa, quando gli esperti dell’ ANU BIH, il Museo nazionale BIH, varie competenti istituzioni e singoli esperti  hanno dato il loro parere ed hanno alzato la voce contro le affermazioni della Fondazione.   La ragione, sia allora che oggi,  è che la Fondazione non ha mai presentato, ne esiste alcun materiale  archeologico, ceramiche, vetri, metalli i quali proverebbero l’esistenza di una struttura artificiale. Il rapporto non indica né presenta alcuna adeguata stratigrafia di strati culturali (né geologici) perché gli strati geologici non sono ne possono rappresentare alcuna base per lo studio di strati culturali stratigrafici.

Gli autori “dell’ipotesi delle piramidi” in alcun modo hanno convinto,  né i professionisti né le istituzioni competenti dell’esistenza delle piramidi, presentando dei risultati puramente geologici, i quali sarebbero identici  o almeno simili in qualsiasi altra parte della Bosnia e Erzegovina.  Si tratta di formazioni  puramente geologiche  le quali non rappresentano alcuna novità e dietro questa posizione ci sta tutta la scienza ufficiale competente diretta dal  Prof. phd . Safet Vrabec  dall’ Università di Geologia di Tuzla.
Questi metodi non sono “multidisciplinari” in quanto assolutamente inadeguati per le ricerche archeologiche.  Le ricerche geologiche possono rappresentare una fonte aggiuntiva di informazione in un’analisi secondaria, ma mai possono rappresentare il metodo primario di ricerca in quanto con essa non si può scoprire nulla di rilevante per la ricerca archeologica.  Se così non fosse, l’archeologia e la geologia rappresenterebbero un’unica disciplina scientifica, ma sta di fatto che una studia gli strati geologici, come ad esempio strati carboniferi,  minerali, petrolio; l’altra si occupa di ricercare l’esistenza di diverse culture e civiltà.”

 

Un altro autorevole parere proviene dal dr. Anthony Harding, presidente dell’Associazione Europea degli Archeologi, il quale ha stroncato sul nascere la teoria che le piramidi siano dei manufatti. È possibile trovare il suo pensiero qui.

Nell’articolo seguente, invece, ogni singolo aspetto della geologia delle piramidi viene spiegato e analizzato nel dettaglio, chiarendo, con dovizia di fonti e particolari, ogni aspetto controverso “presunto-artificiale” relativo alle piramidi.

Geologia delle Piramidi Bosniache

Una foto che a nostro avviso è emblematica, in quanto mostra gli strati geologici piegati dagli sforzi tettonici:

Strati piegati dagli sforzi tettonici

Infine, nonostante il dott. Debertolis abbia scritto, senza alcun supporto scientifico, che la piramide del Sole è chiaramente una collina rimodellata (ad esempio qui), il documento che più di ogni altro ci ha convinto che le strutture della valle di Visoko siano naturali proviene da una fonte a lui molto vicina.

Si tratta di una relazione geologica effettuata dalla dr.ssa Emanuela Nunzia Croce, per conto del gruppo di ricerca SBRG.

Questa relazione si trova sia nell’area utenti registrati del sito SBRG, sia su un link pubblico dal quale è possibile accedere senza essere registrati, che presumiamo sia stato inserito per facilitare la diffusione del documento. La legge ci consente di citarne una parte a scopo di critica, per cui possiamo tranquillamente riportarne le conclusioni:

Le indagini effettuate sui campioni e lo studio della letteratura geologica e geomorfologica, nonché l’analisi di tutta la documentazione fornita dal committente e reperita in internet, hanno permesso di formulare un giudizio complessivo relativamente alle questioni iniziali. La cosiddetta Piramide del Sole è il risultato della sedimentazione clastico-terrigena continentale miocenica per quanto riguarda i materiali costituenti e la loro stratificazione; la forma della collina, l’inclinazione degli strati e la loro dislocazione, nonché la fessurazione che conferisce ai vari strati una forma pseudo pavimentale, sono dovuti al modellamento geomorfologico post miocenico, insieme a fenomeni tettonici locali e globali.

AGGIORNAMENTO 18/10/12 ore 20.30: Attorno a questa vicenda accadono sempre cose “mysteriose”! Il link dal quale era possibile accedere alla relazione geologica senza essere registrati sul sito SBRG è stato rimosso. E’ rimasto funzionante per mesi, lo era fino a questa mattina e nel primo pomeriggio, ma adesso non lo è più. Non sappiamo perchè qualcuno vuole tenere nascosta una relazione così ben fatta e conclusiva come quella della dr.ssa Croce, ma tant’è. In ogni caso, registrandovi sul sito SBRG, nella sezione “documenti”, la ritrovate.

Concludendo,  tutta la documentazione scientifica che è possibile reperire sull’argomento, tutte le relazioni serie e le indagini rigorose portano a concludere che le piramidi non sono piramidi, ma strutture puramente naturali. Al momento non vi è nemmeno alcun segno di una rimodellazione artificiale delle colline, nonostante qualcuno si ostini a dichiarare il contrario.

Stupisce quindi che vi siano ricercatori o presunti tali che si ostinano a definire “piramidi” delle strutture geologiche perfettamente naturali. Ad esempio lo stesso Osmanagic non arretra di un passo dal pensarla in questo modo, senza che possa addurre nulla di più di qualche sensazione. Oppure un certo Nenad Djurdjevic, ricercatore locale, il quale sostiene, con una certa aggressività, che siano opera di una civiltà perduta tanto evoluta quanto “introvabile”.  Tra i folgorati sulla via di Damasco invece troviamo il dr. Debertolis, il quale ormai da mesi sostiene che le piramidi non sono piramidi, anche se lascia sempre la porta aperta alla possibilità di una rimodellazione umana.

Noi riteniamo che la vicenda si sgonfierà con gli anni, quando anche il grosso dei sostenitori si renderà conto che non salta fuori nulla di eclatante e definitivo, ma solo annunci su annunci superficiali e mai risolutivi e che tutta la storia ormai va avanti perché si è raggiunto un punto di non ritorno, per cui non è più possibile smontare il carrozzone politico-turistico-fantarcheologico che si è creato attorno al sito.

 

PROSSIMAMENTE: La voce delle Piramidi

2 pensieri su “Piramidi in Bosnia – L’inchiesta di Eclisseforum.it – I Punti Salienti: Le Piramidi

  1. Paolo Palmisano

    Sinceramente credo che visitare il sito e guardare coi propri occhi sia sempre la cosa migliore e possa aiutare nel dare un giudizio su questa scoperta archeologica! Mi unisco a chi comunque dice che le prove che una civiltà molto evoluta si è sviluppata in Bosnia in tempi storicamente "incongruenti" per la dottrina storica ufficiale ci sono e rappresentano ormai un dato di fatto! certo c'è ancora molto da studiare e da comprendere in questo sito (che vorrei tanto visitare) ma il tentativo di ridicolizzare osmangjc e il suo team in tutti questi anni mi è sempre sembrato patetico e arrogante!

    Rispondi
    1. creedence1 Autore articolo

      Salve Paolo. A breve avremo delle novità anche in merito a queste contestazioni. Di patetico comunque non c’è nulla, si tratta di pura analisi di situazioni. Le contestazioni non possono essere patetiche, i tentativi di farle scivolare come “non importanti” invece non solo sono patetici, ma accreditano ancora di piu la contestazione stessa.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...