La Pseudo-Archeologia applicata a Biancaneve e i 7 nani. Esemplificazione del metodo Sitchin & Co..

Eclisseforum.it mette all’attenzione dei propri lettori questo bellissimo esempio scritto dall’autore Lugalbanda  che spiega in maniera molto divertente il “gioco” perpetuato da molti pseudo-archeologi nello spiegare colossali balle. Ecco quindi a voi, un fantastico esempio di come è possibile tradurre qualsiasi cosa a proprio piacimento e con una buona dose di fantasia e di “prove”. Buon divertimento by Lugalbanda & EclisseForum.it.

 

Biancaneve e i 7 nani

Il codice segreto degli egizi sulle Pleiadi e il Diluvio Universale

I fratelli Grimm nel 1810, mentre erano alla ricerca di informazioni su una particolare  fiaba popolare europea, ebbero modo di visionare una traduzione inglese di un antico testo ebraico ad opera di un rabbino, questi riportava alcuni eventi successi molto tempo fa, forse il testo ebraico riprendeva uno ancora più antico, probabilmente egizio visto che a margine c’erano annotati dei geroglifici oltre a dei commenti in ebraico.
I Grimm non capendoci un granché trovarono però un ottimo spunto per il titolo per la fiaba che stavano scrivendo: Biancaneve e i sette nani.

Qualcuno, preso dal solito scetticismo, sicuramente storcerà un pò il naso e obbietterà sostenendo che l’episodio sopraccitato non è assolutamente noto…e per di piùm non c’è traccia di esso in nessuna biografia o scritto che riguardi i fratelli Grimm. Ma attenzione..perchè proprio in virtù di questo aspetto possiamo affermare che anche se  l’episodio non è stato mai menzionato non significa che non sia accaduto veramente! 😀

Cerchiamo ora di capire cosa si nasconde dietro all’ “enigmatico” titolo scelto dai compianti fratelli Grimm: Biancaneve e i sette nani.

Biancaneve: Schneewittchen, Snow White o semplicemente Biancaneve altro non è che una cometa o altrimenti detta “palla di neve sporca”, il fatto che sembrasse bianca come la neve è probabilmente dovuto all’alta percentuale di acqua presente su di essa.

I sette nani: la parola tedesca Zwerg e quella inglese dwarf significano in effetti “nano” , forse il rabbino nel tradurre ha lasciato solo traslitterata la parola ebraica DWR o, per non so quale motivo, ha voluto tradurre la parola in quel modo, “fatto sta”  😀 che la radice DWR secondo il Dizionario di ebraico e aramaico biblici di P. Reymond significa ammucchiare (formando un cerchio) [cfr. link], ora come si chiamano quel gruppo di sette stelle che ammucchiate insieme formano una “specie” di cerchio? E’ ovvio le Pleiadi!

Queste affermazioni possono sembrare del tutto gratuite ma vi posso assicurare che ho le “prove” di quanto detto.

Nella tomba di Senemut è presente un simbolo, gli accademici credono indichi le Pleiadi

Le tre gocce sovrapposte sembrano la forma di una cometa presente appunto nella zona della pleiadi. Ricordo che il geroglifico egizio “mu” (tre onde sovrapposte) rappresenta l’acqua.

E’ “ovvio” ( 😀 ) che gli egizi sapessero che la cometa fosse composta di acqua. “Sicuramente” ( 😀 ) Senmut nella sua tomba avrà voluto riproporre la mappa cielo al momento dell’arrivo della cometa, “quasi sicuramente” ( 😀 )colei che provoco il diluvio biblico.

In buona sostanza Biancaneve e i sette nani non è altro che un racconto dove, applicando il “metodo Sitchin & co.”, vengono spiegati eventi che vedono protagonisti la cometa Snow White e le Pleiadi. Se qualcuno farà delle giuste obiezioni sul “ metodo” basterà che vi atteggiate come Sitchin e i suoi seguaci: ignoratele e continuate a lavorare di fantasia.

EclisseForum.it ringrazia l’autore Lugalbanda e a scanso di equivoci ci teniamo a tranquillizzare chi si fosse allarmato. Stavamo scherzando. 😀

Con simpatica goliardia

Lugalbanda &  EclisseForum.it

 

Annunci